In Juve-Inter, Paul Pogba è stato autore di un’azione straordinaria ma ha commesso un grave errore subito dopo

Criticare un giocatore autore di un’azione come quella che domenica sera Paul Pogba ha fatto contro l’Inter, può sembrare quasi blasfemo. Ma un campione fatto e finito, dopo il numero eccezionale con cui ha buggerato due difensori nerazzurri, davanti al portiere in uscita, doveva segnare. Tanto più che la Juventus in vantaggio, stava in quel momento spingendo il piede sull’acceleratore per chiudere la partita. Cosa non riuscita (anche per colpa dell’errore del francese) e nel secondo tempo, come contro la Sampdoria, i bianconeri vengono puniti.

L’azione di Pogba è meravigliosa: prende palla sulla trequarti dell’Inter, si trova di fronte Juan Jesus e Ranocchia e con una giocata geniale, il cosiddetto “elastico” fatto con un movimento del piede veloce che fa cambiare posizione al pallone con gran velocità, passa in mezzo ai due, che ancora sono lì a cercarlo. Esce Handanovic e il francese si trova a tu per tu con il portiere nerazzurro: troppo ghiotta l’occasione per fare il gol dell’anno (del 2015 intendiamo, già a gennaio). Il francese tenta con un tocco felpato di far passare la palla in mezzo alle gambe dell’estremo difensore nerazzurro che di piede riesce a deviare in angolo. Errore imperdonabile: per la Juventus e per Paul, che ancora deve maturare definitivamente e diventare decisivo quando il caso lo richiede.

Sull’1 a 1 l’Inter poteva poi addirittura beffare i padroni di casa con il gol del vantaggio: ma Icardi, che aveva segnato la rete del pareggio si divora anche lui tre occasioni. Nella prima in scivolata mette la palla fuori di poco, solo davanti a Buffon. Nella seconda tira dal limite dell’area, ma Buffon è pronto e para alla grande. Nella terza sottrae palla a metacampo, Osvaldo scatta solo verso l’area, ma l’argentino preferisce fare tutto da solo. Il compagno di reparto vorrebbe prenderlo a pugni, come crediamo molti tifosi nerazzurri. Almeno Pogba, prima di sbagliare, aveva deliziato lo Juventus Stadium.

CONDIVIDI