Dai campi della periferia di Prato alla conquista del Mondiale spagnolo nel 1982. Paolo Rossi è entrato nella leggenda del calcio.

Quelle del Mundial 82 sono immagini che i tifosi italiani non dimenticheranno mai. Interprete principale di questa bellissima storia è Paolo Rossi, l’eroe del Mundial spagnolo, il capocannoniere con sei gol dell’edizione colorata d’azzurro. Prima del trionfo del 1982, che gli varrà  l’assegnazione del Pallone d’Oro, Paolo Rossi si mette in luce già nell’edizione precedente in Argentina dove convince tutti a suon di goal: Francia, Ungheria e Austria le sue vittime. È un’Italia bellissima quella del 1978. Probabilmente con un pizzico di buona sorte in più Paolo Rossi e compagni avrebbero potuto arrivare al titolo mondiale con quattro anni di anticipo. Quando incanta il mondo nel 1978, Paolo Rossi rappresenta la sfida di un giocatore di provincia a uomini di compagini più titolate. E’ con la maglia del Vicenza che il piccolo bomber trova innumerevoli occasioni per il fiuto del gol: tra lui e il pallone sembra che esista una sorta di feeling magico ogni qualvolta nell’area di rigore si determina la possibilità di andare in gol. Rossi appare d’incanto più rapido del suo diretto controllore.

Dopo 60 gol in tre campionati con il Vicenza, Pablito incontra due ostacoli prima di approdare alla Juventus, che lo aveva coltivato nel vivaio: il primo è un’esperienza non felicissima con il Perugia, il secondo è  una lunga squalifica per il coinvolgimento nel caso delle scommesse clandestine. Il 1982 segna l’anno della rinascita: sulle ali dell’entusiasmo costruito al mondiale, il centravanti bianconero infila quattro stagioni punteggiate da successi importanti, prima di un finale di carriera con il Milan e il Verona. Per tutti però Paolo Rossi è sinonimo di nazionale e l’appartenenza ai suoi diversi club è  offuscata nella memoria dei sei gol spagnoli passati alla storia. Prima di trasferirsi definitivamente nel mito, oltre al campionato del mondo con la nazionale, Paolo Rossi conquista due titoli e una coppa nazionale, una coppa dei  campioni, una supercoppa europea e una coppa delle coppe. Tutti successi conseguiti con la Juventus.

CONDIVIDI