Berlusconi, in questa intervista del 1998,  dice di preferire il calcio alla politica

“Una partita strana, vissuta nelle aule del senato con un occhio ai senatori e con un orecchio alle vicende della partita. I primi gol di Massaro, la prodezza straordinaria di Savicevic che mi fu raccontata da un commesso della camera, poi andando verso casa l’ultimo goal di Desailly e infine la celebrazione di un successo che era duplice, il successo sul campo di Atene e il successo sul campo romano e la speranza di poter continuare a proseguire nella strada delle affermazioni delle cose concrete. Purtroppo in politica le cose non sono come nel calcio, anche nel calcio si possono trovare arbitri ingiusti, si possono trovare squadre che si impongono magari senza un rispetto totale della correttezza delle regole, puoi trovare dei campi ostili con pubblico che interviene quasi da protagonista contrario, in politica tutto è peggio, quindi preferisco il calcio anche se la politica che deve decidere della nostra vita è essenziale per garantire a tutti benessere, giustizia,democrazia e libertà.”

Silvio Berlusconi è diventato proprietario dell’Associazione Calcio Milan il 20 febbraio del 1986 e resse la presidenza dal giorno dell’acquisto fino al 21 dicembre 2004, quando lasciò la carica a seguito dell’approvazione di una nuova legge che disciplinava i conflitti d’interesse. Ha nuovamente ricoperto la carica dal 15 giugno 2006 fino all’aprile 2008, quando è stato rieletto alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Durante la gestione di Berlusconi il Milan si è laureato 8 volte Campione d’Italia, 5 volte Campione d’Europa e 3 volte Campione del Mondo; inoltre ha vinto 6 Supercoppe Italiane, 5 Supercoppe Europee e una Coppa Italia.

CONDIVIDI