Il commento di Nick Canepa, team Hero Ebr, dopo la seconda tappa del mondiale di Superbike in Thailandia

Dopo la caduta in Gara1 a Phillip Island, primo round del Mondiale SBK 2015, che gli ha provocato la rottura del legamento della caviglia sinistra, Niccolò Canepa è tornato in pista per la seconda tappa del WSBK in Thailandia. Nonostante l’infortunio e la quasi impossibilità di allenarsi per preparare la gara, Nick è salito in sella alla 1190RX supportato dal team americano Hero Ebr.

L’inedito Chang International Circuit di Buriram ha però complicato molto le cose a Canepa e soci: i due rettilinei e soprattutto la larga curva che li raccorda ha reso infatti problematico il lavoro a EBR, che soffre ancora molto in fattore velocità.

Il pilota genovese ha concluso in 18° posizione il turno di Superpole 1 sul Chang International Circuit e ha cominciato i 20 giri previsti per la gara dalla fila 6 in griglia. In Gara 1 però si rompe la corona ed è costretto al ritiro dopo pochi giri. Canepa non disputa poi la Gara 2 per un problema al motore.

Prossimo appuntamento ad Aragon, in Spagna, il 12 aprile.

CONDIVIDI