Qual è la squadra che conta sulla coppia gol migliore? Analizziamo pro e contro delle punte più prolifiche di tutte le squadre di Serie A

La campagna acquisti estiva è ancora nel vivo ma, in attesa di qualche colpo di mercato last-minute, è già possibile delineare quelli che saranno i principali protagonisti in attacco nella prossima stagione di Serie A. Da anni infatti non accadeva che le big stravolgessero così tanto il proprio asset offensivo. Abbiamo dunque analizzato gli attacchi di ciascuna squadra del campionato scegliendo le coppie gol più prolifiche, attribuendo loro una votazione accompagnata da qualche considerazione.

JUVENTUS: Mandzukic – Morata

VOTO 9

La sensazione è che Massimiliano Allegri voglia puntare inizialmente sulla coppia formata dal croato e dallo spagnolo in attesa che Dybala si integri e assimili al meglio i dettami del tecnico livornese. Una cura Morata tanto per intenderci. Mario Mandzukic è il bomber d’area di rigore per eccellenza, abituato a segnare in ogni modo e in qualsiasi competizione. Morata l’abbiamo apprezzato già nella scorsa stagione e questo dovrebbe essere di fatto l’anno della consacrazione. I dubbi sono legati alla loro coesistenza, a come e se Morata smusserà  alcuni lati di un carattere a volte ancora troppo irruento e all’arrivo o meno del tanto agognato trequartista. Rimane comunque la coppia gol migliore, almeno sulla carta, di questa stagione.

ROMA: Dzeko – Salah

VOTO 9

A pari merito con la Juventus inseriamo la Roma. Dzeko e Salah nel tridente di Rudi Garcia sembrano essere gli interpreti ideali. Per caratteristiche si completano meravigliosamente: il bosniaco assicura presenza fisica e gol, l’egiziano tanto movimento ed un sinistro educatissimo pronto a sfornare assist. Le perplessità riguardano la possibile rivalità tra Dzeko e Totti, e la diversa posizione di Salah in campo rispetto alla scorsa stagione a Firenze.

INTER: Icardi – Jovetic

VOTO 8.5

Sul gradino più basso del podio si piazza l’Inter di Mancini. Icardi è una garanzia assoluta in termini di reti, probabilmente ad oggi l’attaccante più spietato in area di rigore della Serie A. Jovetic è un talento cristallino, penalizzato solamente dai tanti infortuni. La coppia potrebbe funzionare e anche bene, sempre che Jojo rimanga integro e che Icardi impari a proteggere meglio la palla spalle alla porta e a giocare un po’ più per la squadra.

MILAN: Bacca – Luiz Adriano

VOTO 8

La caratura dei giocatori è di assoluto rispetto seppur sia una coppia inedita non abituata al calcio nostrano. L’attaccante colombiano è l’emblema della punta moderna, implacabile sotto porta e con una grandissima rapidità, soprattutto nei primi metri. Nell’ultima stagione in Liga ha realizzato solo in campionato 20 reti. Il suo partner d’attacco rischia di essere sottovalutato solo perché pagato decisamente meno (per Bacca è stata pagata la clausola e Luiz Adriano era prossimo alla scadenza) ma guai a commettere quest’errore. La loro intesa sembra affinarsi giorno dopo giorno, mentre le incertezze sono dovute più ad aspetti caratteriali tipici dei calciatori sudamericani. Il soldato Mihajlovic da questo punto di vista rappresenta una sicurezza. Se poi dovesse arrivare Ibra il voto cambierebbe e non di poco…

NAPOLI: Higuain – Insigne

VOTO 8

Quando si parla poco di una squadra non è mai un male. Il Napoli quest’anno ha deciso di puntare forte su un allenatore di assoluto carisma e di effettuare pochi acquisti ma mirati. In avanti non è stato praticamente cambiato nulla, ciò che muterà sarà il modulo e l’idea di calcio che proporrà Maurizio Sarri. Per queste ragioni potrebbe essere l’anno di Insigne, anno in cui potrà giocare finalmente nel suo ruolo naturale di seconda punta o perché no anche da trequartista. Higuain ha bisogno di poche presentazioni, sarebbe però il caso che l’incombenza dei calci di rigore sia a carico di qualche altro. L’argentino accuserà un po’ di mal di pancia nel corso della stagione visti i rumors e il periodo poco felice post Copa America? Staremo a vedere.

LAZIO: Klose – Felipe Anderson

VOTO 8

Anche in questo caso la coppia da noi scelta in questa classifica ideale è la stessa della stagione passata. Non sono pochi i punti interrogativi. Gli anni passano per tutti, anche per Miroslav Klose. Inoltre riuscirà Felipe Anderson a confermarsi sui livelli della stagione 2014-2015? Le certezze derivano dal tanto entusiasmo in casa Lazio, dall’innato senso del gol dell’attaccante tedesco e dalla tranquillità che Pioli trasmette ai suoi giocatori.

FIORENTINA: Babacar – G.Rossi

VOTO 7.5

Ceduto Mario Gomez al Besiktas la Fiorentina ha deciso di puntare su Babacar. Un attaccante completo che, per caratteristiche tecniche e fisiche, ricorda in prospettiva la miglior versione di Balotelli. I contro sono decisamente prevedibili: riuscirà Giuseppe Rossi a giocare senza avere ennesime ricadute? Oltre a dimostrare ottime potenzialità, crescerà il feeling con il gol dell’attaccante senegalese? Parola al campo.

HELLAS VERONA: Toni – Pazzini

VOTO 7.5

Alla squadra che ha in rosa il capocannoniere della scorsa stagione non si può dare un voto inferiore al 7.5. Passeranno i giorni, i mesi e gli anni, ma Luca Toni è sempre una sicurezza in termini di gol ed impegno. Ed il suo partner? Presumibilmente sarà il suo grande amico Giampaolo Pazzini, un altro abituato (almeno in passato) ad essere spietato sotto porta. Un attacco in vecchio stile che però lascia qualche perplessità riguardo un’eventuale coesistenza. Probabile che i due si alterneranno nel corso del campionato lasciando spazio anche Juanito Gomez e Bosko Jankovic.

SAMPDORIA: Cassano – Eder

VOTO 7.5

Un voto non facile da attribuire per via di tante incognite e poche certezze. Di quanto tempo avrà bisogno “Fantantonio” per tornare in una forma quantomeno accettabile? Probabile che si alternerà spesso con Muriel, anche lui dotato come il barese di un talento purissimo ma anche di un discreto appetito. Eder sembra essere l’unica sicurezza per quanto concerne un posto nell’undici titolare e garantisce una certa regolarità nelle marcature. Potenzialmente il voto potrebbe essere diverso ma preferiamo non volare troppo in alto.

TORINO: Quagliarella – Belotti

VOTO 7

Che squadra sta costruendo il Torino? Tanti giovani e soprattutto italiani. Ufficiale da poche ore l’acquisto del “Gallo” Belotti che si contenderà un posto con Maxi Lopez. Dietro di loro agirà Fabio Quagliarella, l’uomo dai gol impossibili. Nella scorsa stagione la giovane punta italiana ha dimostrato, nei ritagli di partita che gli venivano concessi da Iachini,  di avere un ottimo feeling con il gol. Potrebbe risentire del cambio di ambiente? Non sarà facile scalzare Maxi Lopez, il cui finale della scorsa stagione è stato più che positivo.

UDINESE: Di Natale – Thereau

VOTO 7

Il 2014-2015 è stato il primo anno di piccola flessione per Antonio Di Natale. In realtà tutta la squadra friulana ha accusato qualche difficoltà dopo stagioni più che positive sotto la guida di Guidolin. Sarà l’età che avanza o solo un piccolo incidente di percorso? Sicuramente il bomber campano si alternerà con il nuovo arrivo Duvan Zapata. Sarà fondamentale gestirlo nel migliore dei modi. Nessun dubbio sulle qualità di Thereau, uno degli attaccanti più sottovalutati nel panorama calcistico italiano. L’unica accusa che gli si può muovere è un rendimento non propriamente costante…

SASSUOLO: Defrel – Berardi

VOTO 7

Non era facile per il Sassuolo sostituire un giocatore come Zaza. Eppure, la forte fermezza con cui allenatore e società hanno però voluto affidare un ruolo così delicato a Defrel fanno capire quanto credano nel calciatore francese. Lo scorso anno il classe ’91 nonostante una stagione poco brillante del Cesena, è stato uno dei pochi a mettersi in mostra mettendo a segno reti di pregevole fattura e mostrando qualità davvero interessanti. La sua abilità nel muoversi tra le linee e scambiare coi compagni potrà rivelarsi un’arma vincente, e la convivenza nel tridente con Berardi e Sansone sembra non costituire un problema. E Berardi? Sarà questo l’anno dell’esplosione definitiva in cui magari limiterà quegli eccessi di un carattere ancora un po’ troppo fumantino?

PALERMO: Vazquez – Gilardino

VOTO 6.5

Tra gol, assist, legni colpiti e giocate di una tecnica sublime, Vazquez lo scorso anno ha incantato il pubblico del Barbera e non solo. A Palermo le cose però sono decisamente cambiate lì in avanti con l’addio di Dybala prima e Belotti poi. Gilardino è un attaccante di sicuro affidamento sotto il profilo della professionalità  e delle reti ma siamo sicuri che la coppia possa funzionare? “El Mudo” ha bisogno di dialogare con gente che parli più o meno la sua stessa lingua o svarii su tutto il fronte d’attacco. Il Gila è il compagno di reparto giusto? In alternativa occhi puntati sul nuovo arrivo a parametro zero Uros Durdevic anche se la scommessa sembra essere decisamente rischiosa.

GENOA: Pandev – Pavoletti

VOTO 6.5

Un’avventura non propriamente fortunata in Turchia e tanta voglia di ripartire dal campionato a lui più caro. Goran Pandev è tornato in Italia e di certo non vorrà tradire le aspettative dei tifosi genoani. La coppia gol con Pavoletti, autore di un finale di campionato strepitoso nella scorsa stagione, potrebbe rivelarsi più decisiva di quanto si pensi. Si confermerà a ottimi livelli anche in questo 2015-2016? Siamo sicuri inoltre che il macedone non si sia perso in questo anno al Galatasaray in cui ha accumulato sole 4 presenze? Difficile a dirsi, il verdetto come sempre spetta al campo.

CHIEVO: Paloschi – Meggiorini

VOTO 6.5

Una coppia affidabile che si completa decisamente bene. Paloschi garantisce movimento, attacco della profondità e i gol necessari per la salvezza. Meggiorini ha ben impressionato nella scorsa stagione con assist decisivi per il proprio compagno di reparto, gol pesanti e tanto sacrificio. E’ arrivato M’Poku, ma noi crediamo che Maran almeno inizialmente conti sul duo che ha permesso nella scorsa stagione di raggiungere la salvezza anzitempo.

EMPOLI: Maccarone – Pucciarelli

VOTO 6.5

Ha cambiato poco quest’anno la squadra toscana in avanti mentre ha ceduto pedine fondamentali dietro. Sotto la guida di Giampaolo dovrebbe essere confermato il duo Pucciarelli – Maccarone anche se Mchedlidze potrebbe finalmente emergere dopo anni e anni in cui ad Empoli non si aspetta altro. Una coppia che ben si è disimpegnata nella passata stagione, a cui però si aggiunge un anno in più a Maccarone, non proprio un giovincello.

ATALANTA: Denis – Maxi Moralez

VOTO 6.5

Una salvezza non propriamente semplice e qualche cessione di rilievo. Dopo le partenze di Benalouane, Baselli e Zappacosta sono ancora tante le voci che vogliono Denis in partenza. Lo stesso Maxi Moralez è stato ad un passo dalla firma all’All Ittihad poche settimane fa.  Pierpaolo Marino ha lasciato l’incarico di direttore  generale. Qualcosa di strano bolle in pentola? Il nostro voto è anche condizionato da questi punti interrogativi. Al netto di tutte queste considerazioni è una coppia ben assortita che negli anni ha sempre garantito alla piazza bergamasca una salvezza tranquilla.

BOLOGNA: Destro – Acquafresca

VOTO 6

L’arrivo di Mattia Destro fa alzare decisamente il voto in questa nostra personalissima classifica. Un attaccante di ottima caratura che a Bologna può dire certamente la sua ma che dovrà rispondere e confermarsi ai livelli di Siena a suon di ottime prestazioni e gol pesanti. Acquafresca  dal canto suo, in Serie A ancora deve dimostrare quanto di buono ha fatto in passato nel campionato cadetto. Perché la coppia funzioni sarà necessaria la presenza e l’estro di Brienza sulla trequarti.

CARPI: Matos – Mbakogu

VOTO 6

Potrebbe essere la coppia rivelazione del prossimo campionato di Serie A così come quella flop. Nella stagione della promozione del Carpi, Jerry Mbakogu ha messo in mostra tutte le sue qualità: forza fisica, rapidità e senso del gol. Una media di tutto rispetto di una rete ogni due partite. Si confermerà anche nella massima serie? Per il suo compagno di reparto, Ryder Matosa, la situazione è differente. Un calciatore potenzialmente ottimo, dotato di buona tecnica e gran dribbling ma che negli ultimi anni ha faticato e non poco. Un talento dimostrato in parte già dai tempi delle prime apparizioni alla Fiorentina ma che ancora non è riuscito a sbocciare. Se son rose fioriranno…

FROSINONE: Ciofani – Dionisi

VOTO 5.5

Sulla carta è la coppia a cui diamo meno credito. Se in serie B il duo ha fatto vedere ottime cose,  l’esperienza di entrambi nella massima serie è pressoché nulla. Non era forse il caso di intervenire sul mercato con l’acquisto di un attaccante con più esperienza? L’arrivo di Longo non basta e lascia perplessi dopo la stagione incolore a Cagliari. Bisogna comunque sottolineare che nelle serie inferiori sia Federico Dionisi che Daniel Ciofani hanno sempre segnato e con costanza. Che possano fare bene pure in A? La speranza per tutta Frosinone è che si consacrino anche sul palcoscenico più difficile. La storia recente dimostra che è possibile.

CONDIVIDI