Duello primo: Yaya Tourè vs Paul Pogba in Manchester City-Juventus. Due dei centrocampisti più forti del mondo, ma non solo

Tourè e Pogba potrebbero essere calcisticamente padre e figlio di un modo di intendere il ruolo dell’interno di metà campo rivoluzionato nei contenuti. Quel modo di fare l’interno a metà tra il mediano che recupera palla e il trequartista capace del cambio di passo e della conclusione da fuori. Il duello che li vede di fronte per la prima volta in carriera non ha un vero e proprio vincitore. O meglio: vince Pogba ma non stravince. Vince la partita, con un assist al bacio in occasione del pareggio. Ma il confronto tra i due rimane in equilibrio per tutto il match. Si trovano l’uno di fronte all’altro ma in un impianto di gioco differente: Tourè è ingabbiato in una metà campo a due che deve supportare tre trequartisti. Pogba è nei tre di metà campo e ha il vantaggio di avere davanti a sé un Morata che è preoccupato più a rientrare che ad attaccare.

Pogba in avvio segna ma è off-side. Prima sostanziale differenza: lo juventino va in area, si propone, affonda. L’ivoriano no. Ha compiti diversi, ma svaria su tutto il campo, mentre Pogba rimane circoscritto alla propria zona di competenza. Il primo duello viso a viso lo vince Paul, quando al 14′ gli ruba il pallone e lo salta nel gioco aereo. Sarà l’unico scontro a viso aperto di tutto il match. Non si evitano volutamente, ma non si trovano più in quelle condizioni di uno contro uno. La ripresa è di recupero e gioco sporco per entrambi, con un lampo a testa. Quello di Pogba è un cross dalla trequarti che mette Mandzukic in gol, Tourè prova una conclusione sulla quale Buffon ricorda di essere un fenomeno. Non succede nient’altro.

Ha vinto Pogba, presumibilmente. Ha vinto la partita, ha vinto quei pochi duelli giocati tra i due. Ma il micromatch tra i due interni di metà campo più forti del mondo non è ancora deciso. C’è un ritorno da giocare, magari con qualche occasione in più per valutare un dualismo che, tempo permettendo, merita tutte le attenzioni del caso. Paul, per ora, può sorridere.

Paul Pogba vs Manchester City [VIDEO]

[jwplayer player=”2″ mediaid=”11431″]

CONDIVIDI