Talento della cantera dell’Ajax, Ricardo Kishna: gioventù da predestinato, pronto al balzo finale tra le big

 

ANAGRAFICA

Nome: Ricardo

Cognome: Kishna

Data di nascita: 4 gennaio 1995

Club: Ajax

Nazionalità: Olandese

CARATTERISTICHE

Ruolo naturale: Attaccante esterno.

Ruolo alternativo: Seconda punta.

Ruolo potenziale: Fantasista.

Punti di forza: La tecnica individuale, la sfrontatezza negli uno contro uno, la progressione con e senza palla al piede, la capacità anche di servire l’ultimo pallone nello spazio. In più Krishna è un ottimo crossatore, soprattutto sulla corsa.

Punti deboli: La copertura del pallone in giocata frontale, i rientri nei tempi giusti sia nel 4-3-3 che nel 4-2-3-1, il perfezionamento ancora da maturare nei tempi di gioco quando gli avversari portano una certa pressione.

POTENZIALE

Campionato ideale: A occhio, verrebbe da pensare al campionato spagnolo, dove l’estro viene solitamente esaltato nelle giocate uomo contro uomo, soprattutto in corsia esterna. In realtà la crescita atletica di questo ragazzo figlio di papà surinamense (ma origini indiane) e madre olandese lo sta gradualmente portando anche verso posizioni più centrali, strategiche nel campionato italiano e anche in quello inglese quando si tratta di top team (forse esclusa l’idea di gioco di Wenger all’Arsenal).

Chi ci ricorda: Immaginate un MacManaman che non si guarda troppo allo specchio e dotato della tipica muscolari del calcio di oggi. Funambolo, rapido, ma anche sufficientemente bravo nella guida del pallone per intimorire l’avversario di turno. In Italia oggi soltanto Domenico Berardi lo ricorda (o viceversa) anche se Kishna pare più votato all’assistenza e meno tattico rispetto al talento del Sassuolo. Il senso pratico verrà quando cresceranno le presenze in nazionale (finora un solo gettone con la under 21) e quando uscirà dalla Eredivisie.

Dove può arrivare: Ad altissimi livelli, secondo tutti gli addetti ai lavori che seguono e se ne intendono di calcio olandese. Kishna ha tutto ciò che serve per sfondare nel calcio che conta. Tra cui personalità, rapidità d’esecuzione nonostante le lunghe leve e i 187 centimetri: all’Ajax ancora almeno per un anno e mezzo, è già pronta l’asta per aggiudicarselo a parametro zero nell’estate del 2016. Certamente lo aiuta il fatto di essere un mancino che ricopre un ruolo molto ricercato nelle grandi squadre.

SEGNI PARTICOLARI

Qui c’è la mano di Mino Raiola. D’altronde il procuratore italo-olandese è nato facendo da chioccia e intermediario proprio con tanti ragazzi delle giovanili dell’Ajax. Kishna, formalmente senza agente ufficiale, pare proprio intenzionato a ripercorrere le orme di Ibrahimovic (che all’Ajax spesso operava da attaccante d’appoggio) e dunque affidarsi a colui che assiste anche Pogba e Balotelli. Tutti dunque pronti alla bagarre e a ritrovare spesso questo nome sui giornali di mezza Europa.

CONDIVIDI