Anche Oscar Tabarez ha il suo Giaccherini: Nicolas Lodeiro, che già conosce gli stadi brasiliani, è il vero jolly di una formazione uruguaiana piena di stelle

 

ANAGRAFICA

Nome: Marcelo Nicolas

Cognome: Lodeiro Benitez

Data di nascita: 21/3/1989

Club: Boca Juniors

Nazionalità: Uruguay

CARATTERISTICHE

Ruolo naturale: Trequartista alle spalle delle due punte, libero da compiti specifici, libero di potersi muovere lungo tutto l’asse orizzontale della penultima linea offensiva.

Punti di forza: Le incursioni palla al piede, in generale portare palla in profondità prima della conclusione o meglio ancora dell’ultimo scarico; spirito di sacrificio. Il piede sinistro dotato di ottima sensibilità.

Punti deboli: La velocità di base, apparentemente scarsa per i massimi livelli. I lanci e le aperture che pure dovrebbero essere nelle corde di chi interpreta oggi questo ruolo delicato a ridosso delle punte.

POTENZIALE

Campionato ideale: La Liga, senza dubbio. Meglio ancora la Serie A, dove i ritmi non sono forsennati e i compiti piuttosto precisi a fronte di un grande quantitativo di partite prevalentemente tattiche. In Olanda, per esempio, non ha fatto benissimo perché si gioca sempre in maniera spregiudicata e spesso sopra ritmo. Oltretutto nella sua parentesi all’Ajax (che lo pagò 4 milioni di euro) gli è capitato sovente di agire da prima punta per la sua capacità di catalizzare il pallone, ma fisicamente non è strutturato e comunque non ha il senso del gol che poteva avere un Montella.

Chi ci ricorda: Le movenze sono abbastanza personali, ben definibili e riconoscibili. Quindi pensate a Diego Ribas da Cunha che gioca con il sinistro oppure a un Deco con meno senso del gioco. Ecco, un buon mix che comunque spiega la peculiarità di un giocatore sui generis a cui Tabarez difficilmente rinuncerà nel gruppo del prossimo Mondiale.

Dove può arrivare: Se non altro ad affermarsi come calciatore di garanzia in uno dei quattro massimi campionati europei, perché li vale soprattutto adesso che è anche maturato tatticamente. Dopo le esperienze in Olanda e Turchia e le ottime cose fatte vedere nel campionato brasiliano al fianco di Seedorf può essere davvero pronto. Anche perché il primo a crederci è lui, calciatore che in passato credeva fin troppo poco nelle proprie capacità.

SEGNI PARTICOLARI

El Muto oppure Insopportable. Soprannomi che la dicono lunga sul carattere molto particolare di Nicolas Lodeiro, che in patria tutti chiamano Nico, un carattere in realtà schivo e taciturno che sa tanti di basso profilo. In realtà per esempio all’interno del gruppo dell’Uruguay viene considerato uno degli elementi cardine anche dello spogliatoio,forse anche per quella sua capacità di saper accettare le decisioni del tecnico continuando a lavorare sempre sodo. Anche in questo ricorda Giaccherini, con tutto che Nicolas Lodeiro  è ancora molto giovane e vanta comunque l’ala protettrice di Luis Suarez, compagno di squadra che stravede per lui al punto di consigliarlo anche vivamente al Liverpool. Ma per il mercato c’è tempo: sarà eventualmente il mondiale la vetrina che può fargli svoltare la carriera.

CONDIVIDI