In Lega Pro, il protagonista della giornata è Stefano Scappini del Pontedera

Sogna anche la provincia toscana in quel Girone B che era stato dominato dalla Spal nelle prime cinque, ma poi è tornato in equilibrio. Ed è tornato ad essere un posto dove i sogni possono prendere vita, così come i record. Pontedera è provincia di Pisa, realtà di un calcio dai numeri piccoli ma che sopravvive in C, o in Lega Pro se preferite, senza tanti stenti, grazie ad una buona organizzazione societaria. Ma il Pontedera nelle ultime due partite ha realizzato 11 gol, vincendo prima 6-0 contro il Rimini, poi 5-2 a domicilio contro la Lupa Roma. Con 5 gol realizzati da Stefano Scappini, di diritto protagonista di giornata. Senza lasciare nemmeno l’ombra del dubbio più remoto.

Stefano Scappini è un classe ’88 che di Lega Pro ne ha fatta tanta. Perugino, cresciuto calcisticamente nella Ternana, con la quale da giovanissimo ha giocato tre stagioni consecutive, prima di iniziare a girare l’Italia alla ricerca della consacrazione definitiva. A Ravenna non andò benissimo, ad Alessandria sì, e fu doppia cifra (13 reti). È stata la migliore stagione del ragazzo dal punto di vista realizzativo, ma quest’anno è già a quota 9. Poi Pisa, Sorrento e l’anno scorso il Savona, andando ancora in doppia cifra. Scappini è uno di quei calciatori che appartiene alla generazione dei nati nella fine degli anni ’80 che volevano sfondare partendo dalla Lega Pro e che poi son diventati calciatori navigati della categoria, alla perenne ricerca del salto di qualità.

L’anno per Scappini è quello buono. La partita contro la Lupa Roma è il lasciapassare per quel salto agognato. 9 gol in 7 partite, giocate tutte da titolare, sono il biglietto da visita del capocannoniere del Girone B e del calciatore più prolifico dell’intera Lega Pro. I primi quattro gol nel Lazio sono arrivati nel primo tempo, e a qualcuno ha ricordato Lewandowski. Lui non ci crede tanto, non vuole il paragone. Sa di aver realizzato un qualcosa che lo ha proiettato alla ribalta nazionale per qualche giorno, adesso la vera abilità starà nello sfruttare questo successo. Intanto il primo passo sarà proseguire un campionato che può essere quello della svolta. Della consacrazione definitiva. Da parte di un calciatore capace di fare 5 gol in una sola partita. Lewandowski? No, Scappini.

CONDIVIDI