Ruud Gullit, il Tulipano nero – Pallone d’Oro 1987
Ruud Gullit, il Tulipano nero – Pallone d’Oro 1987 è stato modificato: 2015-10-01 di sportreview

Spirito libero, eccentrico ed ironico: Ruud Gullit ha segnato un’epoca. Icona del calcio europeo a cavallo tra gli anni ottanta e novanta

Ruud Gullit di goal ne ha fatti e soprattutto nei due anni trascorsi al PSV Eindhoven, precedenti all’approdo al  Milan datato 1987, stagione fantastica culminata nell’assegnazione del Pallone d’Oro.

Ruud Gullit ha saputo incantare le folle e non solo quelle di fede rossonera, grazie alla sua complessiva capacità di stare in campo, fisicamente esplosivo, dotato di una progressione senza eguali. L’olandese da look riconoscibilissimo per le sue treccine rasta, è stato il simbolo della libertà applicato al gioco del calcio. Superfluo applicare su di lui rigidi controlli di marcatura, Gullit spaziava in ogni zona del terreno mettendo a buon frutto l’esperienza maturata in avvio di carriera un po’ di tutti i ruoli.  Della sua esaltante esperienza nel Milan, il ricordo più bello resta la doppietta realizzata in finale di Coppa dei Campioni a Barcellona contro lo Steaua Bucarest.

In Italia Gullit ha vinto tutto quel che c’era da vincere nel Milan, per poi prendersi qualche soddisfazione anche con la maglia della Sampdoria dimostrando come, nonostante tre operazioni  al ginocchio destro, possedesse classe e carattere per non mollare mai.

Il rapporto di Gullit con la nazionale olandese non è mai stato dei più facili: certo è che nel campionato europeo vinto in Germania lui è uno dei protagonisti assoluti, tra l’altro aprendo con un gol la finale vinta sull’Unione Sovietica. Litigi e incomprensioni con i tecnici hanno però limitato il suo contributo in arancione e infatti le sole 16 presenze maturate nel corso degli anni, non rendono giustizia a uno dei talenti più puri del paese del calcio totale.

In carriera Ruud Gullit ha ottenuto le seguenti affermazioni: un campionato europeo, due Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale, due Supercoppe europee, due Supercoppe italiane, sei titoli nazionali, uno con il Feijenoord, due con il PSV Eindhoven e tre con il Milan, quattro coppe nazionali di cui due conquistate in Inghilterra con il Chelsea.

sportreview

About Sportreview

Lo Sport è la nostra vita.

Commentando accetti la nostra Privacy policy

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

3 Commenti

  • , it removes dgitiny and it boldly highlights the deep problems in the UEFA management. It seems that football management internationally is in need of a make over, and when is a better time than a widely televised tournament.As an alternative to a walk-off, maybe both teams could unite and just stop play. What could the ref do to 22 men refusing to play? I think it would highlight the chanting even more and then help the police to intervene (assuming of course that they are racially unbiased) Just an idea.I can feel your anger and frustration in your words, and I feel that way too it is utterly disgusting that we should be having this conversation in a free and tolerant’ society.