Davor Suker, il Signore della Croazia
Davor Suker, il Signore della Croazia è stato modificato: 2015-11-10 di Paolo Rossi

Davor Suker secondo al Pallone d’Oro nel 1998

Che 1998 quello di Davor Suker! Meglio è quasi impossibile, per quanto lasci per strada qualche successo abbordabile. Con il Real Madrid si aggiudica Champions League e Coppa Intercontinentale (dove si limita a comparsate negli istanti finali). Ma quel che più colpisce l’immaginario, è il terzo posto con la Croazia alla prima incredibile partecipazione al Mondiale. E in Francia il bomber più forte di sempre nella storia del giovane Paese sorto nel 1992 ha un rendimento fantastico.

Firma infatti 6 reti che lo laureano capocannoniere e gli valgono anche – per la quinta volta! – il titolo di calciatore dell’anno della Croazia. Non c’è partita che non lo veda protagonista. Nella gara d’esordio si limita a siglare il gol che chiude la contesa sul 3-1, vittima è la Giamaica. Nel secondo match il suo exploit è pesante, l’1-0 sul Giappone permette la qualificazione anticipata agli ottavi di finale. Con l’inizio delle gare a eliminazione diretta il suo contributo è ancora più decisivo. Un suo rigore decide la gara con la Romania, ma il capolavoro della squadra è pronto per i quarti, quando la Croazia umilia la Germania con un rotondo 3-0 e il madridista chiude definitivamente i conti a 10 minuti dal termine.

Suker è inarrestabile. Segna ancora nella semifinale con i padroni di casa, regalando alla sua nazione un momento di gioia pazzesca, sfumato solo in seguito alla doppietta di Thuram. Ma l’orgoglio per quanto già fatto è tale da spingere la Croazia anche nella finale di consolazione, dove l’attaccante è ancora provvidenziale nel determinare il 2-1 sull’Olanda dopo le reti di Prosinecki e Zenden. E lo fa con una prodezza straordinaria, un sinistro al volo che passa in mezzo alle gambe di Stam e finisce in rete.

Paolo Rossi

About Paolo Rossi

Autore e conduttore di programmi su JTV, pensa che il calcio sia un dovere se ti chiami come un campione del mondo. Lavorandoci da anni, ritiene che sia soprattutto un gran piacere

Commentando accetti la nostra Privacy policy

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.