Hakan Calhanoglu, tra Ozil e Juninho con i piedi fatati
Hakan Calhanoglu, tra Ozil e Juninho con i piedi fatati è stato modificato: 2016-01-08 di Matteo Brancati

Il classe ’94, trequartista del Bayer Leverkusen, sta stregando tutti grazie alla sua tecnica sopraffina. Non solo piedi buoni per Hakan Calhanoglu, ma anche visione di gioco e personalità che lo rendono pronto per il grande salto in un top club

 

ANAGRAFICA

Nome: Hakan

Cognome: Calhanoglu

Data di nascita: 8 febbraio 1994

Club: Bayer Leverkusen

Nazionalità: Turchia

CARATTERISTICHE

Ruolo naturale: trequartista

Ruolo alternativo: centrocampista centrale

Ruolo potenziale: esterno offensivo

Punti di forza: il giovanissimo turco 21enne dispone di due piedi fatati, una rarità di questi tempi e per calciatori che si stanno affacciando al grande calcio solo da pochi anni. Inoltre, Calhanoglu è abile a battere i calci piazzati con estrema facilità, tanto da essere paragonato al brasiliano ex Lione, Juninho Pernambucano. Altresì, possiede una visione di gioco straordinaria, come dimostrano i tanti assist forniti ai suoi compagni di club e di Nazionale, oltre alla duttilità dal centrocampo in su soprattutto nel 4-2-3-1.

Punti deboli: il suo fisico (1,78 m per 68 kg) lo rende volubile in fase difensiva. Il talento turco, infatti, soffre la fisicità di avversari più forti atleticamente, perdendo duelli specialmente di testa su corner e punizioni. Migliorerà con il tempo anche il senso della posizione, quando la sua squadra deve portare a tutti i costi a casa il risultato.

POTENZIALE

Campionato ideale: in Bundesliga fa faville, come dimostrano i dati relativi alla scorsa stagione. Hakan Calhanoglu, nell’anno 2014/15, si è reso protagonista di giocate importanti racchiuse in un totale di 47 presenze, condite dalla bellezza di 13 reti e 11 assist. Numeri da paura per uno nato nel 1994 che, senza nessun dubbio, sarebbe l’ideale per la Serie A grazie alle sue qualità tecnico-tattiche che lo rendono più di un talento, soprattutto quando c’è da giocare tra le linee. Non a caso la Juventus, almeno in passato, ci aveva fatto più di un pensierino.

Chi ci ricorda: il primo Mesut Ozil, quello capace di trascinare il Werder Brema in Champions League e la Germania verso traguardi importanti. Entrambi sanno battere le punizioni e agiscono dietro le punte, ma non solo, con una facilità disarmante. Dal punto di vista tecnico si equivalgono, anche se l’attuale calciatore dell’Arsenal è migliorato tantissimo dal punto di vista difensivo. Ma Hakan Calhanoglu è ancora molto giovane.

Dove può arrivare: tra qualche anno lo vedremo, sicuramente, protagonista con la maglia di un club di prima fascia. Hakan Calhanoglu ha dalla sua tutto: talento, personalità, colpi di classe e quel tiro potente che incenerisce i portieri avversari anche dalla distanza. Insomma, un elemento completo che ha un prezzo di circa 25 milioni, destinato a salire già nel corso di questi mesi.

SEGNI PARTICOLARI

Nato in Germania, a Mannheim, città che affaccia sul fiume Reno, Hakan Calhanoglu è di nazionalità turca a tutti gli effetti grazie alle origini del suoi genitori. Dopo aver iniziato la carriera calcistica nello Stato teutonico, il forte elemento del Bayer Leverkusen sceglie la Turchia come sua prima Nazione (a differenza di Ozil), dichiarando di essere fiero di tutto ciò. Un segno particolare che incuriosisce tutti  è l’attaccamento nei confronti della famiglia, principalmente verso la persona più importante della sua vita. Calhanoglu, come da lui stesso dichiarato qualche anno fa, chiama sempre la mamma prima di ogni match perché la sua voce lo motiva.

Matteo Brancati

About Matteo Brancati

Cerco di scrivere cose interessanti. Amo la tattica su un campo di calcio, ma non disdegno gli 0-1 in trasferta e le favole sportive "alternative"

Commentando accetti la nostra Privacy policy

Rispondi

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.